Category Archives: Eventi e comunicazione

Telefono Arancione, i progetti per il 2017

Oltre cinquanta casi gestiti, con il coinvolgimento di ex-imprenditori e professionisti: l’Associazione San Giuseppe Imprenditore ha presentato il bilancio di un anno di attività del Telefono Arancione e ha lanciato due progetti per una nuova cultura della buona imprenditorialità, avviando una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Buonacausa.org e promuovendo la realizzazione del film “Cerchi di luce” 

Asti, 19 marzo 2017 – Dalle terre del Monferrato si alza forte il grido di orgoglio e fede delle centinaia di imprenditori che animano la vita dell’Associazione San Giuseppe Imprenditore, fondata e presieduta da Lorenzo Orsenigo, ex-imprenditore obbligato al concordato per tutelare i suoi 180 dipendenti: «Con il Telefono Arancione stiamo aiutando decine di titolari d’azienda ad affrontare il dramma della crisi e del fallimento, cercando di salvaguardare la loro dimensione umana e morale e possibilmente anche il patrimonio personale. E’ ora che anche le istituzioni, a cominciare dalla Chiesa cattolica, prendano in considerazione l’esperienza a volte, purtroppo, tragica di persone che hanno investito tutto nella loro attività imprenditoriale, in modo onesto e spesso coinvolgendo tutta la famiglia, e che si trovano a fare i conti con situazioni senza via di uscita, in solitudine e dimenticati da tutti».

Il bilancio del Telefono Arancione, servizio nazionale non profit di ascolto e aiuto agli imprenditori in crisi, avviato a giugno 2016 e gestito da ex-imprenditori e professionisti volontari supportati dagli operatori del call center specializzato di Phonetica, è stato presentato nell’ambito della Festa di San Giuseppe, organizzata dalla Congregazione degli Oblati di San Giuseppe Marello. Oltre duecento chiamate ricevute, una cinquantina di casi presi in carico e seguiti per risolvere le situazioni più critiche e individuare soluzioni tecniche in grado di tutelare le persone e aggregare ex-imprenditori per dar vita a nuove idee d’impresa.

Dall’attività del Telefono Arancione è nato un nuovo progetto, che sarà lanciato a Milano il prossimo 30 marzo presso il centro per l’innovazione industriale Corefab: l’Accademia di San Giuseppe. «Oggi il 23% dei leader di aziende familiari, che costituiscono la stragrande maggioranza delle imprese italiane, ha più di 70 anni e deve affrontare il tema della successione aziendale nei prossimi 5 anni», spiega Sandro Feole, commercialista e responsabile dello staff di professionisti volontari che gestiscono la fase tecnico-giuridica del Telefono Arancione. «L’Accademia nasce per la trasmissione di valori e metodi fondati su forme di buona imprenditoria, nonché per contribuire alla analisi, gestione e definizione del passaggio generazionale, al fine di dare nuova linfa a un’ampia parte del tessuto imprenditoriale italiano, promuovendo attività culturali e formative».

La seconda novità è il Premio San Giuseppe Imprenditore, che sarà assegnato nel 2018 e per la prima volta riconoscerà il merito sia dell’imprenditore sia dei suoi dipendenti e collaboratori, proprio per premiare tutti coloro che contribuiscono al successo di un’azienda. Dei criteri con cui saranno selezionate le imprese candidate al premio ha parlato il professor Oreste Bazzichi, docente di Filosofia sociale ed etica economica alla Pontificia Facoltà San Bonaventura Seraphicum di Roma e presidente della giuria, di cui fanno parte tra gli altri l’ex leader della Uil Giorgio Benvenuto, presidente della Fondazione Bruno Buozzi, e Adriano Tomba, segretario generale della Fondazione Cattolica Assicurazioni: «Cerchiamo imprese in cui coesistano almeno tre fattori di crescita e sviluppo in senso etico: un alto senso civico, che significa collaborazione e condivisione di valori tra le persone; rispetto dell’ambiente, iniziando da dove si vive e si lavora; responsabilità, ovvero essere “abile” a “rispondere” alle conseguenze delle proprie azioni».

Tra le attività promosse dall’associazione spicca quella culturale, come spiega Paolo Goglio, coordinatore dell’area di intervento psicologico del Telefono Arancione: «Abbiamo dato vita a una linea editoriale per pubblicare una serie di volumi già disponibili sia in formato cartaceo che elettronico, tra cui la nuova edizione del libro di Orsenigo “Rabbi. La Buona imprenditoria nei Vangeli”, sulle principali piattaforme internazionali tra cui Mondadori, Feltrinelli, IBS, Amazon. Inoltre stiamo completando la produzione del nostro primo film, “Cerchi di luce”, che sarà a breve distribuito nelle sale cinematografiche, con l’obiettivo di creare eventi di promozione dell’associazione».

Per contatti e info: Daniele Garavaglia – 392.3694041 – comunicazione@sangiuseppeimprenditore.it / ufficiostampa.asgi@gmail.com

NASCE LA RETE DEI CONSULENTI DEL TELEFONO ARANCIONE

QUANDO IL PROFESSIONISTA SERVE L’IMPRESA: NASCE LA RETE DEI CONSULENTI DEL TELEFONO ARANCIONE  

Si è svolto presso lo Studio Feole – Centroimpresa di Olgiate Molgora il primo meeting promosso dall’Associazione San Giuseppe Imprenditore per la creazione di un network di professionisti del Telefono Arancione, servizio di ascolto e aiuto per imprenditori in grave difficoltà

OLGIATE MOLGORA – Per la prima volta un’associazione di imprenditori ed ex imprenditori ha messo attorno a un tavolo  di lavoro un gruppo di professionisti di provata ed affermata esperienza, per verificare se sia possibile coniugare la competenza con la generosità e dare risposte concrete a quegli imprenditori che attraversano momenti di grave difficoltà. E’ con questo spirito che si è svolto lo scorso sabato 14 gennaio il primo meeting promosso dall’Associazione San Giuseppe Imprenditore per la creazione di un network di professionisti del Telefono Arancione(02.37904770), il servizio nazionale di ascolto e aiuto per imprenditori in crisi, costituito all’inizio del 2016 e attivo ora grazie al sostegno tecnico di Phonetica (società di servizi di customer care).

Alla presenza di una trentina di specialisti di diverse discipline (commercialisti, avvocati, consulenti aziendali, ingegneri gestionali, esperti di coaching ecc) si sono affrontati i temi più urgenti: modalità di approccio e di risposta a un bisogno sociale, gestione di una check list di analisi preliminare delle situazioni, rispetto dei limiti deontologici, coordinamento degli interventi tecnici. «L’esito dell’incontro è che ora il Telefono Arancione può contare su una competenza estesa e più completa, per poter dare un supporto qualificato agli imprenditori in difficoltà. Abbiamo avuto conferma di un’ampia disponibilità che verrà nel breve coordinata sia per quanto concerne l’ambito territoriale, sia per quanto riguarda i singoli profili professionali di chi si è messo a disposizione gratuitamente di questa iniziativa», spiega Lorenzo Orsenigo, presidente dell’Associazione San Giuseppe Imprenditore.

«Le sfide sul cambiamento per i professionisti sono sempre più legate al cambiamento dei paradossi economici dei nostri tempi e partendo dalla gratuità, pur sembrando fuori dal tempo, si innesca un movimento nuovo fatto di relazioni basate sul dare prima di ricevere», aggiunge Sandro Feole, vicepresidente dell’associazione e coordinatore del tavolo di lavoro. «Così l’etica trova nel quotidiano svolgimento della singola professione una nuova chiave che permette di entrare nella sintonia più profonda delle persone e delle realtà aziendali. Il lavoro di coordinamento non sarà certo semplice, ma con questi presupposti avrà certamente una marcia in più perché costruito intorno all’uomo e alle sue primarie esigenze di amore e di condivisione».

Il Telefono Arancione conta anche sulla disponibilità e il sostegno economico di numerosi  imprenditori di successo, tra i quali Cesare Ponti, presidente della Ponti SpA, Antonio Rillosi, presidente di Extravega Srl, Tiziano Fusar Poli, presidente della Latteria Soresina Scrl, Giuseppe Meregalli, presidente del Gruppo Meregalli Srl, Marco Milani, presidente Vallespluga Spa,Renato Erminio Goria, presidente della Camera di commercio di Asti e titolare della Alplast Srl,Enrico Gallo, vicepresidente Cooperativa Elleuno, Marco Durante ceo di Phonetica Spa, Stefano Sala, presidente del Gruppo Per.